Blog

06-12-2017

MINI EOLICO: COME FUNZIONA

Mini eolico: come funzionano gli aerogeneratori di piccola taglia

Installati come parte del cosiddetto mini eolico, gli aerogeneratori di piccola taglia comprendono una o più turbine e altri componenti a esse esterni, come inverter, convertitori di frequenza e, nei sistemi stand-alone, anche batterie di accumulo

 

La norma tecnica internazionale IEC 61400-2 definisce piccoli aerogeneratori quelli con area spazzata dal rotore inferiore a 200 m2, area che corrisponde a potenze dell’ordine di 50-60 kW. In effetti, questi aerogeneratori presentano soluzioni tecniche particolari, volte a una maggiore semplicità, mentre, al crescere della potenza verso i 100 o 200 kW, si osservano caratteristiche sempre più simili a quelle degli aerogeneratori di media taglia.
Tra gli aerogeneratori fino a 50-60 kW sono oggi sul mercato modelli ad asse sia orizzontale sia verticale (Figg. 1 e 2). Gli aerogeneratori ad asse orizzontale sotto i 50-60 kW presentano rotori differenti per numero (da 2 a 8) e forma delle pale, che hanno più sovente passo fisso anziché variabile come nei modelli più grandi. Se il rotore è sopravvento al sostegno, per l’allineamento al vento si ricorre spesso a una semplice pinna direzionale, senza servomeccanismi. Se il rotore è sottovento, si cerca di ottenere un allineamento spontaneo per via aerodinamica. Per il controllo della potenza ai venti alti, oltre allo stallo aerodinamico utilizzato con il passo fisso o alla variazione del passo delle pale, si ricorre anche al disallineamento dell’asse del rotore rispetto al vento. I rotori ad asse verticale, come detto, sono più vicini al suolo, e pertanto presentano una maggiore accessibilità dei componenti. La loro compattezza li rende adatti a particolari applicazioni, ad esempio su barche o in ambiente urbano. Anche se presentano una minore efficienza aerodinamica rispetto a quelli ad asse orizzontale (essendo le pale, durante la rotazione, alternativamente a favore e a sfavore del vento), hanno il vantaggio di funzionare indipendentemente dalla direzione di provenienza del vento e non necessitano quindi di meccanismi di orientamento. Altri vantaggi per cui questi aerogeneratori sono proposti sul mercato sono il miglior funzionamento con venti turbolenti, una maggiore resistenza ai venti elevati, una minore rumorosità e una migliore resa estetica (in qualche caso, possono anche fungere da supporto per pubblicità).

aerogeneratori_Fig66-1

Aerogeneratore ad asse verticale da 1 kW (foto En-eco)

aerogeneratori_Fig66-2

 

FONTE: INGEGNERI.INFO

facebooktwittergoogleplus