Blog

15-05-2018

Sidief, il settore immobiliare in rapida e costante evoluzione vale il 19% del Pil

 

 

 

In Italia il comparto immobiliare è pari al 19,1% del Pil contro una media europea del 17,8%. Sempre più importante è inoltre il peso degli investimenti esteri, soprattutto nella città di Milano. A dirlo è stato il presidente di Sidief, Mario Breglia, durante il convegno "Real estate, responsabilità e impegno sociale nel pubblico e nel privato",  tenutosi nella sede milanese della Banca d'Italia, che ha fatto emergere il quadro di un settore in costante e rapida evoluzione

"Il peso delle attività immobiliari (costruzioni, sviluppo e servizi) - ha detto Breglia - è pari al 19,1 per cento del Pil in Italia, contro una media Eu28 del 17,8 per cento. Gli addetti complessi sono 1,8 milioni, per circa 800mila imprese. Circa trecento di queste imprese hanno più di dieci milioni di fatturato e quindi attente alle tematiche odierne, corretta amministrazione e responsabilità sociale. Infine ricordiamo il peso crescente degli investitori esteri nell’immobiliare italiano (oltre 28 miliardi di euro dal 2010, di cui il 42 per cento a Milano), in genere attraverso strumenti quotati. E chiedono compliance e regole internazionali alle controparti italiane”.

“Il mondo immobiliare sta attraversando una costante e rapida evoluzione, legata ai cambiamenti che si stanno realizzando nelle modalità di lavorare, abitare, consumare. È in corso un importante processo di professionalizzazione del settore per rispondere alle esigenze della committenza. Da settore a forte vocazione “artigianale” si sta spostando verso una crescita dimensionale delle aziende, che, sia per decisione interna che per vincoli normativi, significa anche maggiore trasparenza ecompliance. Una forte spinta è venuta dalle Sgr immobiliari e in generale dalla crescita dei fondi immobiliari, che oggi hanno un patrimonio superiore a 50 miliardi di euro. Poi le Siiq e le fondazioni bancarie".

Secondo Giuseppe Sopranzetti, direttore della sede di Milano della Banca d'Italia, l'immobiliare, "spesso attaccato e sprofondato nella crisi passata, è un settore che svolge un ruolo importante per il Paese, soprattutto per Milano, che è il centro degli investimenti diretti dall'estero".

Dai rappresentanti delle Istituzioni vengono importanti richiami a valori, quali l’integrità e le capacità professionali, che sono centrali anche per le imprese e sono presupposto di quella fiducia tra i diversi stakeholder che è condizione per lo sviluppo dei mercati, a iniziare da quello immobiliare. Valori che vanno mantenuti e consolidati nel tempo con una azione di formazione e sensibilizzazione del personale.

facebooktwittergoogleplus