Blog

07-05-2018

Mattone di lusso: torna a crescere il mercato, ma pesano elezioni e Npl

 

Creative commons
 

 

Anche il mercato degli immobili di lusso è tornato a crescere con prezzi che imboccano la strada della risalita dopo anni di flessioni, soprattutto a Roma e a Milano. E' ciò che emerge dal rapporto Nomisma Santandrea luxury houses, secondo il quale a pesare sulla ripresa potrebbero essere l'incertezza post elezioni e il nodo Npl.

Il segmento della compravendita più vivace è quello di Milano, con una domanda in crescita soprattutto nella zona di Brera e Magenta, con una vivacità nelle nuove zone della linea 4, anche se la zona top resta il Quadrilatero. Qui i prezzi toccano i 13mila euro al m2. Si riducono i tempi di vendita a 5,8 a 5,5 mesi, mentre restano stabili a 6,3 a Roma. Cala il divario a Milano tra prezzo richiesto e pagato, con uno sconto medio dell'11%, che a Roma è stabile sul 13,8%.

Secondo l'ad di Nomisma, Luca Dondi, tra i temi che possono ipotecare la ripresa ci sono preoccupazioni antiche, come la crescita economica e i tassi di interesse, ma anche strettamente legate all'attualità come quelle legate allo scenario post elezioni. "Non credo che le famiglie smetteranno di comperare, ma se l'incertezza dovesse prolungarsi l'atteggiamento attendista della crisi potrebbe riproporsi". Tra i fattori di criticità poi c'è anche lo smaltimento degli Npl: "ci dovrà essere un assorbimento graduale, perché se si riversasse sul mercato una grossa quota di immobili scontati ci sarebbero effetti"

facebooktwittergoogleplus