Blog

06-06-2017

IL MERCATO ANCORA REGISTRA UN LIEVE CALO DEI PREZZI

Gtres
 

Prezzi case in calo dello 0,6% a maggio, valori giù del 5,7% in un anno

 

Secondo l’indice mensile delle case di seconda mano di idealista il prezzo delle abitazioni in Italia è sceso dello 0,6% a maggio rispetto ad aprile, a una media di 1.863 euro/m². In termini annuali il calo è del 5,7%, il che denota un trend ancora chiaramente negativo sul fronte delle quotazioni immobiliari.

L’ultima rilevazione di maggio 2017 conferma il ridimensionamento delle aspettative da parte dei proprietari dopo un primo trimestre anch’esso contrassegnato dai ribassi (-1,3%) dell’usato.
Il rallentamento non è uniforme sul territorio nazionale, mentre sotto traccia si fa strada il processo di stabilizzazione dei valori, con i 2/3 dei centri capoluogo monitorati con variazioni comprese tra l'1% e il meno 1%.

Regioni

In un mese contrassegnato da ribassi, il mercato registra contrazioni in 14 macroaree su 20:
nel Lazio (-1,7%) le svalutazioni maggiori, seguito da Friuli Venezia Giulia (-1,4%), Emilia Romagna (-1,2%) e Campania (-1,1%). In controtendenza, il rimbalzo maggiore è in Calabria (1,1%), timidi recuperi anche in Lombardia (0,5%) e Puglia (0,4%).

Con una media di 2.639 euro al metro quadro, la Liguria è la regione più cara seguita da Lazio (2.487 euro/m²) e Valle d’Aosta (2.458 euro/m²). La Calabria (933 euro/m²) è la regione più economica davanti a Molise (1. 028 euro/m²) e Basilicata (1.183 euro/m2). 

Province


A maggio avanzano le aree in saldo negativo - ora sono 59 contro le 54 del mese scorso* -, con Rovigo (-7,8%), Trieste (-6,7%) e Verbano-Cusio-Ossola (5,5%) a comandare a graduatoria dei ribassi.

All’opposto, le il picco delle rivalutazioni prvinciali si raggiunge a Macerata (5,1%), Sondrio (5%) e nel biellese (3,3%). Come per i capoluoghi province su 3 registrano variazioni minime, comprese tra l'1% e il meno 1%, segno che anche nei centri più piccoli si va verso una graduale stabilizzazione dei valori.

Savona (3.331 euro/m²) e Bolzano (3.138 euro/m²) mantengono i prezzi a livello provinciale. Dopo Biella, fanalino di coda con 682 euro, e Rieti (988 euro/m²) troviamo altre 12 province con prezzi 1.000 euro al metro quadro.

Grandi città e capoluoghi


In trend negativo dei prezzi delle case si evidenzia nella maggior parte dei capoluoghi italiani, penalizzando in special modo i proprietari di Trieste (-6%), Teramo (-4,5%) e Cuneo (-4,3%). I capoluoghi che presentano la variazioni più sensibili a rialzo sono invece Pordenone (5,3%), Latina (4,1%) e Verona (4,3%).  

Non sono esenti dai ribassi del mese appena trascorso i grandi centri, quasi tutti in terreno negativo a maggio a eccezione di Bologna (0,9%), Bari (0,2%) e Venezia (0,2%). Torino è stabile, giù tutti gli altri capoluoghi di regione da Palermo (-0,4%), a Napoli (-1,6%), passando per i significativi cali di Roma (-1,2%) e Milano (-0,8%).

La graduatoria dei prezzi continua a essere comandata da Venezia con i suoi 4.368 euro al metro quadro davanti a Firenze (3.421 euro/m²) e Milano (3.377 euro/m²). Ultima nella graduatoria stilata dal portale idealista è Biella (727 euro/m²) davanti a Caltanissetta (796 euro/m²) e Gorizia (831 euro/m²)

FONTE IDEALISTA.IT

facebooktwitter