Blog

27-04-2018

Compravendite pensionati, ecco come si suddividono gli acquisti ​​​​​​​

 

 

Nel secondo semestre del 2017 il 7,9% degli acquisti è stato effettuato da soggetti in pensione: nel 64,5% dei casi hanno comprato l’abitazione principale, nel 26,7% hanno acquistato per investimento e l’8,8% degli acquisti ha riguardato la casa vacanza. Il dato emerge dall’analisi delle compravendite realizzate attraverso le agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete sul territorio nazionale.

Rispetto a un anno fa si registra una lieve diminuzione della percentuale di acquisto da parte di pensionati, si passa infatti dall’8,7% al 7,9% attuale. Nel dettaglio, l’analisi ha evidenziato che i pensionati nel 64,5% dei casi hanno comprato l’abitazione principale, nel 26,7% dei casi hanno comprato per investimento e infine l’8,8% degli acquisti ha riguardato la casa vacanza. Rispetto a un anno fa diminuisce la percentuale di acquisti di casa vacanza (-4,0%), mentre resta sostanzialmente stabile la componente di acquisti per investimento (-0,2%).

Restando su questo target di acquirenti, si è constatato che solo il 13,9% degli acquisti èstato effettuato con l’ausilio di un mutuo, mentre l’86,1% delle compravendite èavvenuto senza l’intervento da parte di istituti di credito.

Le compravendite dei pensionati si sono concentrate maggiormente sui trilocali (39,8%), seguiti dai bilocali (26,5%) e dai quattro locali (15,1%); ville, villette, rustici, case indipendenti e semindipendenti compongono insieme l’11,7% degli acquisti.

Il 67,9% dei pensionati che ha acquistato attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa èuna coppia oppure una coppia con figli, il 16,5% è single, il 12,5% è vedovo e il 3,1% èseparato/divorziato.

Spostando l’attenzione sui venditori risulta che il 27,3% di coloro che hanno venduto casa nel secondo semestre del 2017 è un soggetto in pensione. Il 66,2% dei pensionati ha venduto per reperire liquidità, il 22,1% per migliorare la qualità abitativa e l’11,7% per trasferirsi in un altro quartiere o in un’altra città. Un anno fa si registravano percentuali simili a quelle appena descritte.

facebooktwittergoogleplus